L’arte come feticcio

La critica si divide tra la necessità di attirare pubblico e il rischio di creare happening senza cultura. Mania globale. Nel 2012 a Tokyo il quadro “La ragazza con l’orecchino di perla” è stato visto ogni giorno da oltre 10.500 persone.

Leggi l’articolo completo su: Repubblica.it