Autoritratto

In cerca del soggetto per l’ultima piccola tela ovale ancora disponibile, ho riflettuto sul fatto che non ho ancora un autoritratto. Ritengo quindi che sia giunto il momento di affrontare virilmente la situazione, guardarmi francamente allo specchio e decidere che sì, si può fare!

Ad essere onesti a suo tempo ci ho provato. Agli albori del mio secondo periodo (v. della Vita di un gentiluomo che ambiva a divenir pittore) mi sono cimentato in un autoritratto che ora fa da retro di una vecchia natura morta abbandonata (abbandonata, non nel senso del soggetto di una natura morta e abbandonata, ma proprio nel senso della tela buttata in un angolo e sommersa da altre tele simili, oltre ai quintali di polvere relativi).
Guardando da vicino questa tela devo dire che ha avuto diverse peripezie. L’autoritratto è stato fatto sicuramente sopra un altro dipinto, di cui non ho proprio memoria, poi la tela è stata rovesciata per dipingervi infine la natura morta. Insomma è un affare per chi la volesse comprare: tre dipinti al prezzo di uno.
Si intravede anche la data di esecuzione dell’autoritratto: 1978.

Autoritratto del 1978

Autoritratto del 1978

Va be’, lasciamo perdere. 😳

Ritorniamo alla mia tela ovale che, giusto per non smentirmi, conteneva già un piccolo dipinto che ho provveduto a ricoprire con un colore grigiastro.
Si tratta anche in questo caso di una tela veramente piccola (13×18 cm.) come le precedenti MadonnaRitratto di donna e Ritratto di ragazza.

A questo punto mi sono armato di specchio e matita e sono partito col disegno direttamente sulla tela.

Autoritratto - disegno a matita

Autoritratto – disegno a matita

Il disegno è un po’ grossolano e la somiglianza lascia un po’ a desiderare, ma, non essendo io un bravo ritrattista, nessuno se ne meraviglia.

Come sempre, in questa serie di ovali, sono passato poi alla grisaglia con bianco e nero. Questa volta ho sostituito il nero vite con il più classico nero avorio e devo dire che mi sono trovato altrettanto bene.

Autoritratto - grisaille

Autoritratto – grisaille

Purtroppo il mio specchio è di tipo particolare: è uno specchio che rimanda immagini solo in bianco e nero. Questo va benissimo per la grisaglia, ma mi preoccupa un po’ per la successiva stesura di colore. Dovrò andare a memoria: colore dei capelli – biondi; colore degli occhi – questa è dura, qualcuno suggerisce azzurri, poi mi guarda in faccia e scuote la testa; infine la maglietta – questa me la ricordo (credo), azzurro scuro con strisce bianche.
Probabilmente la maglietta la farò direttamente nel suo colore.

 

Ovale n. 5

Continua la mia serie di dipinti su piccole tele ovali. Terminato il ritratto rinascimentale, tocca ora ad un ritrattino più moderno (che, nel mio caso, la parola moderno è un evidente non-senso).

La tela ritrovata è una via di mezzo tra l’ultima usata (24×30 cm) e le prime (13×18 cm), trattandosi infatti di una di 18×24 cm. In realtà era originariamente un cartoncino telato rettangolare che io ho sagomato poi rozzamente, non ricordo più per quale occasione. Probabilmente risale al 1997, perché in quell’anno ho fatto un paio di dipinti ovali di quelle dimensioni e potrei quindi essermi ritagliato una tela eccedente per ogni evenienza.

L’evenienza ora è arrivata, anche se mi è costata la spesa per una cornice apposita. Adesso ho la cornice e la tela, manca il dipinto. Per fare un dipinto ci vuole un soggetto, io avrei trovato questo:

Grisaille

Grisaille

Sostanzialmente la versione in bianco e nero è terminata e potrei passare ai colori, ma non ho ancora deciso come fare l’abito e lo sfondo. Si accettano suggerimenti.

Qualcuno sveglio avrà notato che la decorazione dell’abito non è proprio in bianco e nero 😉
La spiegazione è tecnica: indipendentemente dal colore finale (che nell’originale è rosso) se avessi fatto in monocromo anche la decorazione avrei dovuto usare un grigio scuro per distinguerla dalla restante stoffa e questo mi avrebbe tolto luminosità durante la colorazione. È vero che avrei potuto fare il contrario e lasciare bianca la decorazione e grigia la stoffa, ma non avendo ancora deciso il colore finale ho scelto di evidenziare la decorazione con un giallo brillante (cadmio scuro) che è un’ottima base luminosa sia per i rossi che, eventualmente, per una decorazione oro.

Ho finito la fantasia anche per i titoli (in realtà mai avuta). Accetto suggerimenti anche per questo. 🙂