Dall’Iliade a Botticelli, la Biblioteca Vaticana diventa digitale

Scanner sofisticati al posto di pennelli e inchiostro, tecnici qualificati invece di calligrafi e miniaturisti, file anziché manoscritti, macchine per lo storage virtuale sostituiscono scaffali e librerie.
Col progetto di digitalizzazione dei manoscritti, avviato nel 2011, la Biblioteca Apostolica Vaticana prosegue il delicato lavoro degli scribi, trasportandolo nel nuovo millennio.

Leggi l’articolo completo su La Stampa.it

Un pensiero su “Dall’Iliade a Botticelli, la Biblioteca Vaticana diventa digitale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...