Sabato: dopo il sogno

Data la scarsità di adesioni al progetto de Il racconto della trama ho deciso di scendere anch’io nella mischia, giusto per fare numero.

Hai visto mai che imparo anche qualcosa 😉

Per chi non fosse al corrente dell’iniziativa dirò solo che si tratta di scrivere un racconto/romanzo sulla base di una trama già prefissata. L’iniziativa è aperta a tutti, gratuita e non ha vincoli di durata per cui anche i vagabondi come me possono partecipare.

Questo è il mio primo contributo e primo capitolo:

Sabato: dopo il sogno

Ogni commento o critica è non solo gradito, ma opportuno 😳

5 pensieri su “Sabato: dopo il sogno

  1. non mi lascia scrivere nell’altro blog….’impressione e’di una presentazione ordinata del personaggio ,c’e’un elenco dettagliato dei suoi interessi di dove vive con chi
    di Chiara dichiarazione d’intenti storia passata delle sue emozioni sentimentali ecc…ecc…mi piace di piu’scoprire Bruno attraverso lo snodarsi dei capitoli ..mi sembra che tu abbia voluto mettere tutto ben in evidenza subito chi sono cosa faccio dove vado…un po’di mistero mi piace di piu’! e’personale si capisce,, 😀 .. mi sa che dovro’rivedere i tempi del poco scritto mi ero convinta di dover usare solo il presente 😦

    • Che strano che non ti lasci commentare sull’altro blog 😦 Prova a pulire la cache del browser.
      Hai perfettamente ragione, ma è una cosa voluta e vale solo per il protagonista. Il fatto è che,come ho detto, vorrei il lettore calato completamente nel protagonista e quindi deve essere cosciente di tutti gli aspetti caratteriali e ambientali. Non sarebbe facile per te lettrice immedesimarti “subito” nel protagonista senza sapere chi sei e dove ti muovi, anche in considerazione del fatto che ci sono solo sette giorni a disposizione.
      Non vuole essere la cronaca in differita delle vicende di un certo Bruno, ma vuole essere la narrazione di un ricordo di Ariel/Bruno.
      Per usare un paragone cinematografico tu prediligi le zoomate all’indietro (dal dettaglio all’insieme) mentre io ho scelto in questo caso una zoomata in avanti (dall’insieme al dettaglio) che si svilupperà in sette giorni.
      Naturalmente tra il dire ed il fare… è facile annegare 😉

      p.s. siccome non so quanti sono in grado di saltellare da un blog all’altro, copierò io il tuo commento e questa risposta sul blog del racconto 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...