MSF a Lampedusa

Notizia praticamente ignorata dai media
 

Medici Senza Frontiere (MSF) ha chiuso il 31 ottobre scorso le sue attività di soccorso medico al molo dell’isola di Lampedusa. MSF è costretta a prendere questa decisione dopo che il Ministero dell’Interno ha deciso di non firmare un nuovo Protocollo d’Intesa e di non rilasciare così le autorizzazioni necessarie perché MSF continui ad operare adeguatamente.

MSF, come negli ultimi anni, chiede di operare sul molo di Lampedusa solo nell’ambito di un Protocollo d’Intesa che definisca gli ambiti di responsabilità e di azione. MSF era l’unica organizzazione indipendente di soccorso medico presente sul molo con un’equipe composta da medici, infermieri e mediatori culturali. Secondo il Protocollo d’Intesa, MSF era responsabile delle attività mediche sul molo in collaborazione con la ASL: visitava quindi i pazienti e ne autorizzava il trasferimento nel centro di prima accoglienza, e nei casi più gravi nel poliambulatorio di Lampedusa. Inoltre MSF era autorizzata a seguire i migranti che presentavano complicazioni direttamente nel centro di prima di accoglienza.
Il protocollo prevedeva altresì il coinvolgimento della ASL Palermo 6 che avrebbe dovuto in questi anni prendere in consegna l’accoglienza sanitaria sul molo.
(leggi l’articolo completo…)

-> Sostieni Medici Senza Frontiere <-

3 pensieri su “MSF a Lampedusa

  1. si è allo sbando nessuno sa più da che parte andare gli unici che lo sanno sono i vecchi,quelli che non hanno niente e non possono fare niente , i giovani sono soli senza ideali e spaventati di perdere quello che hanno, cosa possiamo costruire con un futuro così,non c\’è molto da dire che ne sarà di quei giovani che non avranno la fortuna di sposare un figlio di berlusconi o di non andare all\’isola dei famosi o di non fare eveline è ora di dire a quei giovani svegliatevi!!!!!!!non credi?

  2. Ciao Bruno!!!
    Resto della mia idea…
    …non accendere la TV, perchè il morale ti va giù.
    (anche in rima)
    Meglio cercare le cose sul WEB.
    Prima o poi ci troverò anche la speranza, forse.
    Come cittadina italiana, intendo.
    Dev\’essere una ricerca difficile, però…
    …uhm…
    …googleheart?
    Un sorriso, e buona settimana da Monica
    :-))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...