Google Earth sempre più in basso

Non sto parlando naturalmente della situazione azionaria di Google, ma della nuova implementazione che interessa il potente motore geografico di Google. 😉


Volo di uccello

E’ passato un po’ di tempo dall’introduzione della ormai famosa vista a volo di uccello, che è stata implementata sul diretto concorrente Virtual Earth (o Local Live), che permette di vedere le strade e le case del mondo come in un volo radente.
La risposta di Google è però veramente all’altezza (o dovrei dire alla bassezza).

Se Virtual Earth arriva a sorvolare i tetti delle case, Google Earth scende ancora più giù, fino al livello stradale!  
E’ la modalità indicata come Streetview su Google Maps o modalità Foto (o Vista stradale) su Google Earth. E’ quindi ormai possibile camminare virtualmente per le strade di qualsiasi città e guardarsi attorno. Sì, guardarsi proprio attorno a 360°, tra le case che incombono sulla testa e i tombini ai nostri piedi e le auto attorno a noi.

Su Google Maps (il fratello di Google Earth sul Web) viene visualizzata la sagoma di un omino, a rappresentare la nostra posizione, che è possibile spostare dove più ci piace. Cliccando sull’omino si apre una finestra con la panoramica da quel punto della sede stradale, da dove ci si può guardare attorno o seguire un cammino cliccando sulle frecce direzionali che appaiono.

Su Google Earth la navigazione è affidata invece ad una serie di icone di macchine fotografiche sparse lungo le vie, cliccando sulle quali si viene prima portati al livello del terreno e poi si passa in modalità panoramica (bisogna però prima attivare la modalità Vista stradale nei Livelli).

Tecnicamente la cosa è piuttosto semplice; si tratta di mettere in fila un certo numero di panoramiche a 360°; più ravvicinate sono le panoramiche e più il passaggio da una all’altra sembra senza soluzione di continuità, dando effettivamente l’impressione di avanzare nell’ambiente. Se Google implementasse anche la visualizzazione anaglifica, con l’uso degli appositi occhialini si avrebbe un senso completo dello spazio circostante e un reale senso delle proporzioni.
Chi possiede i famosi occhialini rosso/blù può dare un’occhiata a come io ho utilizzato tale tecnica nelle panoramiche del sito di Suasa (selezionare prima Virtuale On/Off e poi Controllo stereoscopia). 


Livello stradale

Attualmente sono veramente poche le zone italiane interessate da questo sistema di visualizzazione (Roma, Milano e Firenze, più il lago di Como e aree attorno a Cuneo) e non tutta la superficie cittadina è coperta (le strade o aree interessate sono visualizzate con un bordo azzurro in Google Maps). Vale però senz’altro la pena di darci un’occhiata; non passerà molto tempo che anche le nostre strade saranno inglobate. E magari quella macchina che sta passando è proprio la nostra.

Naturalmente i navigatori con modem dovranno dotarsi di mooolta pazienza (anche se credevo peggio) .

Su questa strada mi sento di poter anticipare che il prossimo passo sia quello di mostrarci in tempo quasi reale anche il traffico in movimento (la tecnologia è già adeguata).

7 thoughts on “Google Earth sempre più in basso

  1. Quanto tempo Brunè!Hai visto che bella questa novità?Ne parlai manco una settimana fa\’, anche se ho accentuato il problema riguardo la Privacy che spesso non sempre viene rispettata (basta spostarsi di poco et voilà che i volti o targhe si vedono).Gekissimo ha persino pizzicato una macchina che si è fermata da una prostituta sulla Salaria…Insomma, questa novità farà molto discutere. Forse però sarebbe meglio dire che la Privacy in rete, ormai, è veramente un\’utopia (basta pensare anche a Facebook).Ma a parte ciò… lo vedi quel bussolotto che hai messo nell\’immagine?Ebbene… lì sorge un mio articolo scoop che ha girato ormai l\’intero paese (anche in TV), riguardo una nuova forma comunicativa, chiamata \’Post-it\’.Se passi da quelle parti troverai il mio articolo esposto e ne vado fiero, anche perché sono una gran pippa e non è da tutti giorni avere queste piccole soddisfazioni.Sono contento comunque di rivederti.Commenta qui se vuoi, non ci sono problemi… ripasserò!p.s.ma una connessione adsl mobile, tipo fastweb, da te non arriva?

  2. ma dai, non lo sapevo!!! a me piace tanto scuriosare nei vari posti del mondo tramite google earth! mi sa che hai ragione. fra un pò vedremo cosa succede per strada in tempo reale. e poi chi si affaccerà più dalla finestra se tutti guardano le città dal monitor del computer? spero che questo non succeda. va beh, se ti va passa dal mio blog. bacio.

  3. Ciao Bruno, interessante questa cosa, il mio tentativo è quello di entrare dentro il Taj Mahal, in India, visto che dal vivo non credo potrò vederlo mai…. ora do una sbirciatina!
    A presto!

  4. Ulp! Non mi sono accorta di tutta questa innovazione Earthiana… vado a vedere di che si tratta caro Bruno.
    Intanto ti lascio un caloroso abbraccio!
    Dovìè finito l\’handy Capp estivo dormiente?
    Sostituiscilo con una immagine di Archimede con relativa lampadina Disneyana… ora ti si addice di più!
    hahahahahha
    Smack!
     

    …(“`•.¸¸.•..Carmen… <<… Pensierino per te !!…>>  … Divina Gioia..•.¸¸.•”)…

  5. Ciao Bruno,
    da molto non passavo a lasciarti i miei saluti. Stasera eccomi da te, x lasciarti un carissimo saluto e augurandoti un sereno e felice fine settimana, un sorriso da Anna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...