Criticare Hegel

Qualche anno fa, appena ventenne, comprai un libro dal titolo Lezioni sulle prove della esistenza di Dio di un certo Hegel . 😉
C’è da dire che io sono sempre stato un vorace lettore. Del tipo disposto, in mancanza di meglio, anche a leggere l’etichetta dell’acqua minerale.
Ho comprato libri di tutti i tipi, anche al buio, in una bulimia culturale incontrollabile. E devo dire, ad onor del vero, che li ho sempre terminati tutti, anche se non sempre li ho capiti tutti. 🙂
Beh, tutti proprio no. Qualcuno è stato superiore alle mie forze. 😦
Mi è rimasto sul gozzo Logica delle scienze sociali di Jürgen Habermas. Non sono riuscito mai ad andare oltre la seconda pagina, dopo aver scoperto con rammarico che l’80% dei termini utilizzati non li conoscevo 😯 . Magari ci potrei riprovare oggi 😕 .
Considero però un mio personalissimo fiore all’occhiello aver letto tra i pochi Che cos’è la vita di Erwin Schrödinger, un testo che è poi diventato una colonna portante della scienza moderna (è grazie a questo testo infatti che si è giunti successivamente alla scoperta della struttura a doppia elica del DNA).
Il libro di Hegel però non era stato frutto di una scelta casuale, ma faceva parte del mio percorso interiore di ricerca del senso della vita, tipico di tutti i giovani e, purtroppo, abbandonato dalla maggior parte delle persone in età più avanzata, non perché si scopra il senso, ma perché a un certo punto ci si rassegna al fatto di non riuscire a scoprirlo. 😳
Devo dire che le lezioni di Hegel non mi hanno convinto molto alla fine, nonostante una lettura molto attenta fatta di sottolineature e numerose annotazioni a margine,  con la matita. Cosa questa che non faccio mai, ma in quell’occasione avevo bisogno di tenere il punto fermo per cercare di capire e così annotavo certe cose del tipo:
  • qui l’autore (sic) presuppone come reale l’esistenza di Dio! Con tale partenza si mina il ragionamento
  • non sono d’accordo
  • non sono d’accordo sul senso che Hegel dà al sentimento
  • più oltre Hegel abbandona una strada che avrebbe potuto dare interessanti risultati sull’essenza di Dio
  • non riesco a capire come Hegel possa affermare di sapere che Dio esiste

Non facevo tenerezza? 😆

Successivamente passai il libro ad un mio collega, poco più anziano di me, ma moooolto più saggio, che, dopo una breve scorsa alle pagine annotate, mi disse una frase che mi segnò e che mi porto ancora in testa.
Mi disse semplicemente e bonariamente: Certo ci vuole un bel coraggio a criticare Hegel. 😳

Naturalmente non voleva dire che Hegel non fosse criticabile, voleva solo dire che per criticare Hegel bisogna come minimo avere la stessa massa culturale. Avere un background di analogo spessore e consistenza. Cosa che un ragazzino di vent’anni, con tutta la più buona volontà e genio, non può ancora avere.

Il problema, insomma, non è criticare o distinguere, bensì argomentare le critiche e le distinzioni. E le argomentazioni devono essere solide e coerenti; non basta dire non sono d’accordo oppure certe cose mi stanno bene e altre no. Bisogna dire il perché e il percome. E presentare sempre una alternativa al ragionamento criticato.
Che sia a sua volta criticabile.
Altrimenti si cade solo nella presunzione, malattia infantile della cultura, di difficile guarigione. 😥
Un po’ come l’estremismo che è una malattia infantile del comunismo, come diceva un certo Lenin. 😉

Questa è la vera lezione che ho imparato leggendo quel libro, anche se non me l’ha data Hegel, ma un Michele Faloci qualsiasi, al quale dedico questo post. 🙂

12 pensieri su “Criticare Hegel

  1. mi incuriosisci Hegel non l\’ho mai letto e non solo lui stà di fatto che per leggere te e concentrarmi,il gatto mi ha rubato la carne ed io sono rimasta senza cena figurati se mi metto a leggere hegel ciao un abbraccio

  2. Ritorno con più calma e ti scrivo ma mi sono sempre chiesta come a vent\’anni si possa avere bulimia culturale incontrollabile è forse data dall\’ambiente in cui si vive? oppure da un fattore ereditario? perchè io non l\’ho mai posseduta solo in età adulta mi sono resa conto di aver perso del tempo inutilmente che non sono più riuscita a recuperare e provo una sorta di invidia per quelli come te che non hanno perso quel tempo ciao buona notte

  3. Non all\’altezza delle tue letture ..ma anche io sono sempre stata bulimica di letture
    ero in prima media quando ho letto "Guerra e Pace" ..di notte…di nascosto…perchè i miei genitori non volevano
    non perchè non volessero che leggessi ,ma perchè i libri di scuola non li aprivo….non mi piaceva studiare
    pensandoci adesso sono stata davvero sciocca
    ma come evidenzi tu …alle volte …le lezioni te le da un amico o un collega …non necessariamente la scuola 😦
    come Gabriella mi piacerebbe sapere cosa scatena una bulimia culturale….
    Un sorriso
     
     

  4. …ma la tua bulimia libresca e\’del tipo genetico come la mia oppure legata all\’eta\’adulta??
    ti ricordi infante mentre colpendo il genitore con il sonaglio gli strappavi il giornale ??:-))
    io ero cosi\’quindi capisco moooolto bene.sul "il crolo della mente bicamerale e l\’origine della coscienza"
    di JJaynes …sono crollata!!..e ricordo il "pasto nudo "di WBurroughs..con una noia mortale…eccecc..
    alcuni vale la pena riprenderli in mano (ed occhiali..)in eta\’e momenti di vita diversi…altri bah..
    ovviamente io ho letto il libro di Hegel in un fiato…il postulato iniziale era totalmente condiviso..:-DD..
    e condivido la lezione che mi fu somministrata a suon di scappellotti da mio padre…che fortuna…;-(..
    a cui l\’oratoria non ha mai fatto difetto…ciao Bruno!..prova a leggere il crollo…
     

  5. Il libro di Schrodinger ce l\’ho anchio non l\’ho ancora letto perchè sto leggendo un libro sul Teletrasporto e poi di libri di vario genere ne ho altri 8/900 . Le materie trattate sono  Astrofisica, Matematica, Filosofia, Astronomia, Storia, Religioni e quant\’altro.
    Se visiti il mio spaces troverai un piccolo elenco di quello che ho. Pian piano inserirò altro materiale, così potrai visionarlo. A proposito di Odifreddi é un mio caro amico, lo conosco da anni e anni fa alla fiera del Libro di Torino abbiamo presentato assieme il libro edito dalle Edizioni Dedalo " Zichicche" assieme a Noi c\’erano Tullio Regge, Piero Bianucci e altri che non ricordo. Ho rapporti con l\’Università di Padova e precisamente con il C.I.S.A.S. una mia idea è partita con la missione Rosetta 3 anni fa. Raggiugeranno Saturno e di lì andranno verso la Cometa (non ricordo il nome) nel 2014. Ho conosciuto Lee Smolin, John D. Barrow ed altri del settore. Comunque mi fa piacere trovare un\’altra persona interessata a questo. Ciao Gianni

  6. ma dai che a vent\’anni
    leggevi Topolino e Tex Willer
    e non disdegnavi neanche le Ore e Playboy
    (l\’Angelo ha le prove, ha i caricatori in Super8 😉
    ma lasciamo perdere…che io c\’ho consumato gl\’occhi
    su quei giornali lì (sob!)
    Questo post mi ha fatto venire in mente una cosa che considero il vero cancro della società odierna.
    La superficialità
    L\’ha spiegato bene Baricco nel suo "I Barbari":
    viviamo nell\’epoca del Multitasking (facciamo più cose contemporaneamente)
    e, ahime! le facciamo, purtroppo, in modo superficiale!!!
    Abbiamo perso il gusto di capire, dare libero sfogo alla curiosità e approfondire!!!
    E, temo, andrà sempre peggio…
    Basta guardarsi intorno: al lavoro, anche i nostri figli, i media, le ns. abitudini, è il trionfo della superficilità!!!
    Vabè, facciamo i carbonari e gli Agitblog nel Web. è una magra consolazione, ma già è qualcosa "o_O
    vedo che i Gianni proliferano…
    😉

  7. ..ciao Bruno!..vedi che qualcosa in comune ce l\’abbiamo anche noi?;-)…
    GianniT te l\’ho mandato io…(anche se lui non te l\’ha detto..:@)…ho visto notevoli affinita\’tra voi due…
    ma forse e\’stato un tragico errore…gia\’Tu sei notevole…diciamo…chissa\’al quadrato!!!..vabbe\’mi resta sempre
    l\’altro…mo vado a strappargli le penne…;-))

  8. …ma vala\’!!.:-)… Tu e Lui….sarete il terrore di qualsiasi conferenziere!!..una specie di premiata ditta…dell\’intelletto!!!
    ..in quanto all\’avito genitore ..beh…non comprendeva alcune mie scelte …diciamo tutte!!..e poi gli ho smontato
    l\’orologio per vedere come funzionava …il caricatore del fucile per protesta….ed una orribile cena del rotary per eccesso di stupidita\’
    ..non era molto contento…capirai!!:-DD..ciao Grande Mogol!

  9. il problema ,caro Bruno, è che mi sono fermata lì…
    quindi …forse…per continuare nella vita…ci vuole un minimo di supporto che ti sproni ad andare avanti…
    qualcuno con cui poterti confrontare per quello che hai letto …
    o forse basta solo credere in se stessi e in quel che si fa…andando avanti da soli ….
    chissà…
    Un sorriso e buon fine settimana

  10. ciao Bruno…
    …per decenza risparmio di dirti cosa leggo io.
    Molto, sì.
    Di cosa… ehm… stendiamo un velo pietoso.
    Però, nonostante la memoria non sia affatto il mio forte, mi è tornato in mente il ragionamento (o presupposto, non so quela sia il termine corretto) di un noto fisolofo che considerava l\’esistenza di Dio come conseguenza necessaria degli attributi che gli sono propri.
    In poche parole: dato che Dio è l\’essere perfetto, allora necessariamente esiste.
    Gli controbattevano: se io immagino un\’isola perfetta, non per questo esiste.
    Replicava: questo ragionamento non è applicabile a Dio.
    Non ricordo chi fossero i due filosofi in questione, ma di certo non erano antichi, e ricordo di averli studiati nell\’ultimo anno delle superiori.
    Il senso della vita… c\’è chi dice di averlo trovato.
    Io non ho lo spessore culturale per controbattere, e dunque taccio :)), però chi smette di cercare senza aver trovato
     
     

  11. …sbagliato tasto, non avevo finito…
    …fa tristezza.
    Ci si rassegna un poco, talvolta, solo per riposarsi un po\’.
    Le malattie infantili sono tanto carine.
    Passano in fretta, e non lasciano tracce.
    Purtroppo.
     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...