Capitolo sesto

Un romanzo sul blog

 
La stesura del sesto capitolo è terminata!
Partecipate ora alla scrittura del settimo capitolo.

iete pronti per il capitolo 6?

Lo so che avete tutti una specie di crisi di identità scrittoriale-scrittorica, però non bisogna demordere. Non fate l’errore di cercare un senso al romanzo, rimarreste delusi.
Il vero senso di questa iniziativa è nel confronto con voi stessi… in relazione agli altri. Dopo ne parlo un po’ più a fondo.

Vediamo cosa avete guadagnato fino ad ora: la consapevolezza.

  • La consapevolezza che un libro non è solo bella scrittura, ma questo in fondo già lo sapevate. Quello che forse avete scoperto è che saper scrivere non è sufficiente. 
  • La consapevolezza che la trama è importante quanto la scrittura, e qui la trama vi sfugge tra le dita come l’acqua.
  • La consapevolezza che non esiste l’ispirazione, ma un libro (e tutta l’arte in genere) nasce da un progetto, mentre qui siete costretti a rincorrerlo e a modificarlo in continuazione il progetto.
  • La consapevolezza che la fantasia non è un dono, ma una capacità che va coltivata. Sono sicuro che tutti vi sarete sorpresi delle idee che avete tirato fuori nel rincorrere le idee degli altri.
  • La consapevolezza, infine, di essere comunque di ispirazione agli altri, anche quando non si è ispirati di proprio, vedendo un proprio brano proseguito.

Onestamente però, sarebbe più interessante sapere cosa ci avete trovato voi autori in questo gioco fino ad ora.

Bene, finito il sunto filosofico-letterario, vediamo come è andato il capitolo quinto.

Capitolo 1

Capitolo 2

Capitolo 3

Capitolo 4

Capitolo 5

L’EREDITA’

Il cappellaio matto

Giulia

Il diario di Enrico

Il Distacco

LA CHIAVE

Altre due buste gialle

SILVIA

Congetture

Flash-back

Sotto la polvere

Il rintocco della campana

UNA MORTE DI TROPPO (F)

La borsa

IL FATTORE “CA…”

Fatti il segno della croce

LA CASA SUL LAGO (F)

Tommasina e le chiavi

 

 

 

La governante

 

 

 

FOTO E FRAGOLE

A tu per tu con i ricordi

 

 

La casa (F)

 

 

 

Tommasina

Una stagione di sorprese

Parole come pietre

PENSIERI E PAROLE

Come bracieri

Chi sei

LUCA

Il sospetto

La prima cosa che salta all’occhio è che abbiamo (ehm… avete ) completato altri due rami.
Non essendoci possibilità di prosecuzione è possibile in questo caso conoscere il nome dell’autore romanzicida, ma per questo dovrete andarvi a leggere i brani. Per gli altri rimane l’anonimato. Of course – Di corsa.

E’ possibile che questa scelta, fatta contemporaneamente da due autori (ai quali ricordo che non lo potranno più fare), sia stata istintivamente dettata dalla voglia di dimostrare al romanzo chi è che comanda… ti faccio terminare io, ti faccio
Fatica inutile. In questo round sono cresciuti i contributi e, ironia della sorte, i due rami terminati hanno già gettato ognuno un’altra gemma.

Abbiamo così tre romanzi completi, o meglio tre storie complete, che si possono leggere avendo ognuna un proprio senso compiuto.
Si tratta di
L’EREDITA’->La casa
L’EREDITA’->Flash-back->Sotto la polvere->Il rintocco della campana->UNA MORTE DI TROPPO
L’EREDITA’->Flash-back->Sotto la polvere->IL FATTORE "CA…"->LA CASA SUL LAGO

Se qualche lettore se la sente di dare un voto o un giudizio articolato su queste tre storie, si faccia pure avanti.
Naturalmente sarebbe auspicabile che anche gli autori, a questo punto, esprimessero un giudizio di merito, al di là dei nomi coinvolti nella scrittura.
Insomma se vi fossero capitati tra le mani questi tre racconti, magari dentro ad una raccolta, alla chiusura del libro quale sarebbe stato il vostro giudizio?
Si può andare da una boiata pazzesca a un capolavoro assoluto, passando per tutte le valutazioni intermedie.
I rami in fiore invece sono ancora sette. Non è malaccio, via.

Mi è stato chiesto di esprimere un parere sull’andamento dell’iniziativa e sullo sviluppo del romanzo in genere. Non entro nel merito dei rami completati, mi limito ad un discorso generale.

Per quanto riguarda l’iniziativa sta andando tutto come previsto; l’unica cosa che mi ha un po’ sorpreso è la difficoltà di coinvolgimento di nuovi autori. Si è arrivati ad una sorta di club esclusivo dove sembra difficile entrare. Fortunatamente i vecchi soci sono molto motivati.
Invece lo sviluppo del romanzo devo dire che non sta andando nella direzione che a me piacerebbe di più , ma sta andando comunque nella direzione prevista.

Si sta elaborando un romanzo borghese e un po’ televisivo, da cui sono esclusi parecchi temi e approfondimenti. Senza contare l’assenza totale di tipologie romanzesche estreme, tipo fantasy o noir, che nessuno al momento ha avuto il coraggio di affrontare.
I personaggi non sono ancora profondi, ma descritti come se fossero dietro ad uno schermo televisivo e secondo cliché abbastanza scontati.

Questa mia non è una critica, intendiamoci, ma una constatazione.
Le motivazioni all’origine sono le più svariate, prima fra tutte la difficoltà di interagire in questo modo strano con altri autori ; la paura di sbagliare può indurre a ricorrere istintivamente all’uso di cliché, che si presume abbiano una valenza universale e quindi fungano da una specie di linguaggio comune, utilizzabile al pari della lingua italiana. 
Non è un limite degli autori, ma un limite del gioco.

Il mio invito è quello di provare a calarsi di più nei personaggi; insomma se ognuno uno di noi ricevesse veramente una eredità simile (ma veramente ) come si comporterebbe nella realtà? Farebbe davvero le cose fin qui descritte?  E le farebbe davvero in quel modo?
Credo che l’approccio migliore, quando si prosegue un capitolo, sia quello di chiedersi: a questo punto, io, cosa farei?

Intanto per dare un pizzico in più di originalità al gioco faccio un invito, a quanti hanno la possibilità di frequentare i posti descritti, di inviarmi delle fotografie dei luoghi.
Potrei inserirle nel prossimo post o addirittura utilizzarle per illustrare i capitoli, senza contare il fatto che vedere il posto può aiutare l’ambientazione per chi invece non lo conosce.

Approfitto per ricordare a quanti me lo hanno chiesto (uno ) che, a norma di regolamento, un autore può scrivere un solo capitolo per volta (e ovviamente non può proseguire un capitolo proprio).

Siccome non sono insensibile agli alti lai che si sollevano dai commenti ho deciso magnanimamente di estendere il tempo per inviare il capitolo sesto a tre settimane, perciò

la scadenza per l’invio dei lavori è fissata al 16/12/2007!

Al solito le regolette per l’invio dei capitoli sono:

  1. Mandate i vostri contributi esclusivamente via e-mail a questo link Romanzo sul blog
  2. Il brano deve essere in un file allegato alla e-mail, in formato doc o rtf (per chi usa Windows è sufficiente utilizzare Wordpad che è in dotazione al sistema)
  3. All’interno del file devono essere chiaramente indicati il proprio
    • nickname
    • l’indirizzo del proprio blog
    • il titolo del capitolo che si intende proseguire
    • il titolo del proprio capitolo

Dateci sotto, ché il tempo stringe

70 pensieri su “Capitolo sesto

  1. peccato!!!!
    pensavo di sfruttare il secondo blog se mi veniva un\’idea ..
    ma va bene così.
    Comunque sono contenta che il mio ammazzamento non abbia tagliato il ramo, ma vedi… ho fatto proprio quello che tu auspicavi, mi sono messa nei panni di un\’ereditiera.
    di fronte ad una morte così violenta, io scapperei il più lontano possibile, sarò anche fifona, ma amo la vita, nonostante… e perderla così… che me ne farei di molti soldi, di una casa due metri sotto terra?
    E adesso, come si dice sempre..
    È morte il re.. Nuova vita e bene al re
     

  2. Credo che però, secondo il regolamento, potremmo continuare altri capitoli ma ci viene tolta la possibilità di determinarne nuovamente la fine… o sbaglio Bruno?
     
    E con calma risponderò ai tuoi quesiti.
     
    Ma ne ho ancora uno: i partecipanti devono essere esclusivamente bloggers di MSN?
     

  3. Bruno con  questo post mi hai massacrato…
    non  ho neppure le parole per replicare e neppure tempo:P
    son passata 2 minuti 2.
    L incredibile è ke per il  mio romanzo  tra i non scelti…
    Exit per internderci…aveva una visione tutta noir ambientata
    tra un passato ed un presente…
    lidia era una persona che scappava da un appartamento
     di alto borbo pagato dalla mafia perchè erano successe un po di cose
    malsane…
    forse sono stata troppo veloce ma n me ne pento…
    cmq
    come facciamo a prevedere quello che ti aspettavi tipo fantasy o noir
    se neppure riesco a prevedere quello ke voleva indicarmi il mio precedente
    capitolo?!?!
    va bhe dai
    son confusa
    ora vado in palestra ke magari mi sveglio.
    byez

  4. Signora dei sogni, non sbagli. E\’ permesso terminare un racconto una volta sola. Salvo deroga che, come ho già detto nel post precedente, sono orientato ad introdurre per la terminazione del gioco.
    I partecipanti non devono essere per forza blogger MSN (o Live che dir si voglia), però devono essere blogger attivi, nel senso che gestiscono un blog pubblico da un certo tempo (un blog aperto per l\’occasione non è valido). Quindi qualunque blogger di qualsiasi piattaforma può partecipare.

  5. Martina, non intendevo dire che bisognava seguire quei filoni.
    Era un esempio per ricordare che gli approcci possono essere anche molto originali. Potrei citarne altri: fantascienza, guerra, avventura, underground (anche se, a onor del vero, qualcuno ci aveva provato), storia, horror.  Forse avrei dovuto usare quest\’ultimo termine al posto di noir (che in fondo un po\’ attraversa il romanzo), ma questa mattina appena sveglio proprio non mi veniva 😉
     

  6. leggi di una ereditiera per caso, vieni a conoscenza che l\’amante, che gli ha lasciato l\’eredità, muore in circostanze strane, il caso diventa automaticamente un giallo.Poi trovi due donne , di cui una, in particolare, nutri sospetti, le scopri in un cimitero che confabulano  secondo me; per stuzzicare il lettore un morto è poco,ci vuole un minimo di orror,  un altro morto e questa volta deve
    fermentare nel lettore un po\’ di paura . Ma la paura, doveva provarla il lettore, non la scrittrice che chiude il romanzo . ciao va bene così grazie a tutti e poi  ho accontentato senza saperlo Bruno che saluto e ringrazio per la sua pazienza.

  7. Gabriella spiegati meglio che vuoi dire?
     
    il romanzo va guardato nell insieme…tu pensa che Ariel solo perchè nn sopportava Manuela
    l ha stramazzata con l aiuto del defunto Enrico…
    poi spiegherò con più calma il mio Silvia ma ti assicuro che nn pensavo avesse seguito…
    nel senso che a volte ciò che noi non ci aspettiamo stimola la scintilla in altri e viceversa…
     
    Spero tu non voglia abbandonarci perchè alla fine è un  mettersi in gioco…
     
    sai cosa mi ha detto un amica dopo che ha letto il mio romanzo?: " puoi fare di meglio"…
    insomma mica le era piaciuto…
    e io ce l ho messa tutto nel limite delle mie possibilità…solo per me stessa anche se per
    caso dovessero mettere la famigerata EFFE della FINE…
    e poi oggi  tutta contenta del mio romanzo arrivo qui e cè questo bell intervento di Bruno…
    mi ha stroncata sì, però non l ha scritto certo per il gusto di stroncarci ma  al contrario
    per solleticarci un po\’…
    Va buo vado a cena.
    a poiz

  8. "lo sviluppo del romanzo devo dire che non sta andando nella direzione che a me piacerebbe di più .."
    cioe\’??…spiega con parole tue…°°°°°°°°

  9. Martina ciao non ho nessuna intenzione di ritirarmi e poi l\’altra parte del ramo continua era per spiegare a Giulia il motivo per cui ho provocato la morte, nel romanzo, di un\’altro personaggio speravo di conquistarmi l\’attenzione dei lettori. é tutto ciao.

  10. Eccoci a noi! Avevo già scritto un lungo commento ma MSN stasera mi ha cassato… uffa…. ;-))
     
    Allora veniamo al perchè del mio \’romanzicidio\’. Se ben ricordate, sin dalla lettura dei primi capitoli, avevo intravisto varie possibilità per questo romanzo, tutte più o meno imperniate su un racconto \’noir\’, ove si potevano intrecciare l\’ambientazione romana con la figura di questo professore ex militante, e con il mio primo prosieguo (LA CHIAVE) avevo gettato le basi per una storia con diverse possibilità: dal serial killer fantapolitico, alla setta massonica. Chi ha proseguito ha invece deviato notevolmente da queste mie ipotesi. Ho pertanto cambiato strada, sempre nell\’ottica di un romanzo che nascondesse tra le pieghe dei segreti. Ho scritto un secondo, un quarto ed un quinto capitolo. Ma già dal terzo capitolo tutti si erano orientati verso l\’intrigo, aggiungendo personaggi su personaggi.
    Era quindi impossibile prima di tutto riprendere la mia trama originaria, ed altrettanto improbabile trasformare il canovaccio in una digressione intimista della protagonista che da un giorno all\’altro vola dalle stelle alle stalle. Sinceramente non avrei proprio saputo come far diventare protagonista questa donna che, ricordata da un vecchio amante, si ritrova dall\’oggi al domani piena di denaro. Anche perchè, a leggere bene tutti i capitoli, il vero protagonista è Enrico e non lei.
     
    Ho preferito quindi un finale con un coup de téatre per non far languire il racconto.
    E sono pronta a prendermi tutte le critiche del caso.
    Quello che dice Bruno è vero comunque, almeno nel mio caso: è un racconto cinematografico, dove forse mi sono lasciata prendere la mano dalla descrizione accurata e fotografica degli avvenimenti, come se fosse una sceneggiatura.
     
    Questo però non vuol dire che io abbandoni! Non è stato voler dire al romanzo \’comando io\’…. la vera prova di forza è cimentarsi ora con altre storie, e non me ne vogliano gli altri autori se non interpreterò a dovere le loro trame ;-))
     
    Come esperienza, devo invece dirti, che è stata molto stimolante anche se il vero dialogo con i coautori non c\’è stato. Cioè, c\’è stato, ma dopo… e non era possibile certo averlo prima perchè tutti abbiamo giocato \’al buio\’. Potevamo forse fare un briefing preliminare prima di partire con i 6 secondi capitoli, questo sì, ma credo che ognuno di noi abbia già i suoi impegni e abbia pensato di correre da solo.
     
    Buona serata a tutti!

  11. Rossa hai fatto del tuo meglio però devo contraddirti sul fatto che non c\’erano capitoli incentrati sulla figura di Manuela. Diciamo che si è preferito sviluppare il tema del noir. Tuttavia mentre ne "La chiave" tu hai insinuato il sospetto di un misterioso omicidio, gli altri capitoli – non scritti da te – sono stati molto più espliciti. E\’ ovvio che ognuno ha scritto quello che ha sentito, e su questo niente da eccepire, ma se devo proprio dirla tutta, non era il continuo che avevo avuto in mente quando ho scritto il primo capitolo. E in questo credo che Bruno abbia capito in pieno il senso del romanzo che avevo in testa. Purtroppo sai bene come mi sia stato impossibile continuare gli altri capitoli, ma non tutto è perduto e il romanzo potrebbe ancora percorrere la strada auspicata da Bruno che vede come protagonista Manuela. Almeno in uno dei suoi tanti percorsi.

  12. Un paio i risposte velociiiii(8)
    Signora dei sogni:-)
    Potevamo forse fare un briefing preliminare prima di partire con i 6 secondi capitoli,
    io invece penso che non potevamo perchè come scrive Bruno più volte il bello della cosa era tentare
    di intuire cosa avesse nella testa l\’ altro. Il fatto di dover poi rimanere anomimi ne è la conferma e oltretutto
    porta a non poter parlare neppure anzitempo di come ci si orienta volta per volta….
    aggiungendo personaggi su personaggi.  io  non penso che siano poi così tanti sti personaggi.
    quelli che son proseguiti saranno maximo 3 o 4 quelli di rilievo e gli altri son sempre rimasti marginali.
    altrimenti sta Manuela che faceva parlava sempre da sola o con l ectoplasma?:D
    Era quindi impossibile prima di tutto riprendere la mia trama originaria, certo era utopistico pensare
    che ogniuno dei nostri romanzi potesse mantenere la trama ideata…anche se scritti meglio o peggio…
    invece

    Ho preferito quindi un finale con un coup de téatre per non far languire il racconto. secondo me
    hai avuto una bella idea…rimettere in circolo un Enrico jr..ci sarebbero stati un bel po di spunti…anche nel caso
    che il Senior fosse uscito di scena…il figlio sarrebbe venuto a scombussolare i piani dell assassino…i. e magari
    per gli amanti del genere Liala una bella storia d amore con manuela:D
    PEr Marilù
     E in questo credo che Bruno abbia capito in pieno il senso del romanzo che avevo in testa.
    ecco nn metterei in dubbio che Bruno abbia capito il senso ma tu non ne hai mai fatto nessun accenno.
    Quindi nel limite ora potresti provarci…
    tanto per non rimanere al palo insomma…
    Sinceramente il romanzo è molto bello   te lo dissi subito.. ma non è il massimo scrivere solo per i pensieri della protagonista e non poterlo fare per gli altri personaggi  visto il fatto che è scritto in prima persona…e non fosse stato per un difetto di forma all inizio..
    scritto tutto in foma presente.
    Per tutti:
    sono sinceramente preoccupata per l improvvisa sparizione di Filippo…
    secondo me non è da lui…
    spero che qualcuno abbia modo d rintracciarlo per capire se va tutto bene..
    che alla fine è quel che più conta!!:-)
    un bacioneee
    smack

  13. A Bruno, che un po\’ malignamente ci accusa di avere la sindrome del comando 😦 per aver segato un ramo, rispondo che per fortuna io non ho bisogno di esercitare la mia sindrome virtualmente… i capri espiatori li ho nella realtà !!!!
    Scherzi a parte , quest\’idea non mi ha neppure sfiorata, certo, avrei potuto non mettere la famigerata F come dice Martina, lasciando che il ramo si estinguesse da solo, ma al momento non ci ho pensato, magari se avessi aspettato l\’ultimo minuto anch\’io, sarebbe stato diverso.
     
    A GABRIELLA invece dico che rispetto naturalmente la sua opinione, ma ritengo che si possa conquistare il lettore anche senza infilarci una filza di morti sparati; ho letto molti libri che mi hanno tenuta sulla corda, senza nessun cadavere.
    Inoltre, sarà perchè da oltre 11 anni sono costretta a corsie d\’ospedale dove la morte è qualcosa di reale, palpabile, ma fuori  preferisco situazioni meno…devastanti.
    E poi non capisco questa cosa: Ma la paura, doveva provarla il lettore, non la scrittrice che chiude il romanzo .
    Ma lo scopo di chi scrive non è quello di far provare al lettore le emozioni che vive la protagonista?  al massimo, se l\’autore è una schiappa, il lettore ci fa una risata…
    Forse è quello che sono..
     
     

  14. Io mica mollo, non è da me, lo dico per Martina, che mi accusa di latitanza.Anzi "consegno" sempre con largo anticipo sulla scadenza prevista, come può testimoniare Bruno.Il lavoro collettivo sta diventando sempre più difficile, lo ammetto, ma non è un buon motivo per mollare.Ho letto i capitoli 5 e devo confessare che si sta restringendo il campo delle storie che mi va di proseguire. Non è una critica per gli altri giocatori, semplicemente credo che ognuno di noi senta di poter dare il meglio di sè quando sente affinità con la storia e con i personaggi.Non è solo questione di gusti. A me ad esempio i romanzi nei quali c\’è un mistero da svelare o il colpevole di un delitto da identificare piacciono moltissimo. Il problema è che non è facile inventarsi una storia convincente e appassionante al tempo stesso, voglio dire che non lo è per me. Sarebbe bello conoscere le abiltà di ognuno e darsi i compiti: tu descrivi i personaggi, un altro costruisce la parte gialla della storia, un terzo ricostruisce gli eventi del passato ( perchè si sono lasciati i protagonisti della storia? lui non voleva bambini? lei aveva un altro? lei lo ha colto in flagrante con un\’altra e così via), un quarto si specializza nelle scene d\’azione ( in fondo l\’appartamento è grande, anche se non ci muoviamo da lì possono succedere lo stesso tante cose…). A quel punto si fa un bel briefing iniziale ( fatto come Dio comanda, cioè lasciando libero sfogo alla creatività di tutti senza criticarsi troppo l\’un l\’altro) poi una volta decisa la trama ed il genere, ognuno fa la parte che gli è più congeniale con un editor che poi fa il montaggio finale, corregge gli errori, unifica i tempi ecc.Basta, smetto di fantasticare sulle possibilità alternative, e vado a riflettere su un\’idea vincente per il capitolo sesto.

  15. @Martina
    Beh, non sono io ad aver accennato alla possibilità di un colloquio tra noi autori… ma è stato Bruno!. E non voleva esere di sicuro una critica agli altri, ma una risposta a Bruno che da quello che scrivi, tu stai rafforzando.
    Però, leggendo i vari capitoli insieme, forse avremmo potuto evitare \’errori\’ del tipo di cambiare nome al protagonista (De Donato in D\’Amato) oppure far apparire parenti quando nel primo capitolo se ne era determinata la non esistenza…
    Per la mia trama originaria (che nemmeno io avevo ben definito quando ho scritto La Chiave) forse sarebbe bastato che Filippo non avesse introdotto il fattore \’fidanzato geloso\’… chissà, forse avrei potuto proseguire.
    Hai ragione comunque sul fatto che avrei potuto non scrivere la fine e lasciare in sospeso il rapporto tra questo figlio misterioso e la protagonista… non ci ho pensato.
     
    Torniamo comunque al punto: noi abbiamo creato un intrigo (che non era nelle intenzioni di Marilù, come lei ha confermato) e non abbiamo pensato al valore dell\’eredità.
     
    @Marilù
    Che non fosse la tua \’trama\’ originaria ne ero certa. Che non si potesse sviluppare armoniosamente un po\’ meno.
    Mi fido del tuo giudizio: forse sono stata precipitosa, ma avendo saltato il terzo capitolo e tu sai bene il perchè… è stato molto difficile riprendere.
     
    @Giulia
    Una schiappa tu?.. ma mi facci il piacere… eheheheh
     
    @Filippo
    Ma bentornato! E le tue fantasticherie… beh non sono mica niente male sai?
    Comunque confermo: è sempre più difficile trovare una storia congeniale da proseguire…
     
    Baci a tutti!

  16. Sì L errore del nome è un errore di dimenticanza…di distrazione fai tu…che volendo Bruno potrà sempre correggere…
    il fatto della possibiltà di un colloquio tra noi sono stata la prima in assoluto a porla a Bruno ke mi ha risposto nel mio blog.."hai colto nel segno"…
    diverso è invece fare un briefing tra noi per il proseguire del romanzo…
     
    Il fatto che poi Enrico non avesse amici ci sta…ma qualche parente poteva anche averlo…non lo precludeva per forza il fatto che non si fosse presentato al funerale…e i presupposti c erano…Motivo per cui Enrico aveva poi lasciato tutto a manuela.
    mi da l impressione ke in alcuni romanzi il cane Erasmus sia di Diego piuttosto che Manuela…anche quello è un errore di distrazione nulla piu.
    Non è facile rileggere oltre 20 capitoli tutte le volte.
    Anche Filippo pur essendo l autore del Cappellaio matto ed avendo proseguito col Diario…nel Diario nn ha ritenuto importante che al momento di conoscersi i protagonisti, Enrico aveva ripetuto per ben due volte Lei è strepitosa…e quindi nei ricordi ha ricordato (scusa il ripetere) molte cose dimenticando quella strategica..
    Ripeto nn sempre è facile memorizzare tutto di tutti i capitoli…
    Cmq Bruno sarà felice di questo nostro interagire anche se resta dietro le quinte:P
    prrrrrrrrrrrr
     apoi<

  17. Felicissimo 🙂
    Non vorrei spiazzare un\’altra volta, ma non scordate che la consistenza del gioco è l\’interazione tra i vostri scritti. La fluidità del racconto è importante, ma rimane comunque secondaria rispetto al precedente aspetto, visto il tipo di scrittura collettiva.
    Questo per non scoraggiarsi se si restringono i filoni di interesse. Il bello non è, secondo me, raddrizzare la storia che si è pensata, ma adeguarsi a quella degli altri. E\’ un po\’ come scoprire sempre nuovi e sorprendenti panorami quando si fa un viaggio, infilando a sentimento strade sconosciute… Quando gli scrittori fanno Oh… 😉
    Vorrei anche chiarire che terminare un ramo è assolutamente legittimo e nel mio post non c\’erano recriminazioni di sorta (romanzicidio era inteso ironicamente, ovvio). Mi ha colpito il fatto che contemporaneamente sia stato fatto da due autori e quindi ho cercato una spiegazione pseudo-psico-sociologica, che invece mi sembra di capire possa tradursi in una banale coincidenza 😉
     
     
     
     

  18. Ma Bruno, anche io l\’ho interpretata in modo ironico la tua battuta del \’romanzicidio\’! ;-))
    Sinceramente anche a me è parso strano vedere un\’altra chiusura…
    Comunque è fuor di dubbio che chi segue nella scrittura debba adattarsi agli altri e non possa perseguire la sua strada originaria, però la fluidità del racconto e l\’uniformità di certo non può sussistere a prescindere da un filo logico. Credo che proprio questa ricerca sia alla base dell\’introduzione di nuovi personaggi che risultano quindi \’autonomi\’ e comprimari allo stesso tempo.
     
    E ora prepariamoci al sesto capitolo…

  19. tutti a scrivere?
    io ho portato la giustifica prchè ho una festa i compleanno …:P
    dai dai adesso che Bruno ci ha fatto tirar fuori la grinta è il momento
    di raccontare come ci si è ispirati al 5o capitolo…
    prometto ke domani lo faccio pure io:P
    un bacione a tutti
    smackkkk

  20. Ciao! Ogni tanto anche io passo per un saluto… e te la posso dire una cosa? Ma da dove ti vengono certe idee per lo space? E\’ troppo bello, pieno zeppo di "partecipanti"!
     
    Robe

  21. dunque…
    sull onda di uno dei Ragazzi della scuola ho voluto dare seguito a quello straccione seduto per strada..volevo però avesse una dignità e che non fosse uno sfigato e basta..insomma una persona con cui Manuela potesse dialogare…una persona anche intrigante magari..
    e così è nato il personaggio di Diego.
    invece sull onda di Filippo…(a dispetto di Bruno che pensava si creasse una sorta di romanzo d\’ amicizie ved.cap 4) ho dato seguito al personaggio di Silvia tentando di dare vita al ramo di Rox che nn mi dispiaceva soltanto che proprio nn sapevo che pesci prendere con i motivi delle buste gialle…
    che piaccia o no Silvia è rimasta e anche lei dialoga con Manuela. Volevo render piu verosimile un personaggio un po\’ troppo fuori tempo; mi riferisco al presunto amore tra Silvia ed Enrico: ebbene sì l ho stroncato:S  mi spiace
    differentemente dagli autori io resto piacevolmente colpita di come riuscite a proseguire storie che magari scrivo e neppure io saprei continuare…
    a conferma di ciò mi piace infatti comè proseguito da Silvia a Congetture…bello!
    Mi rendo conto che differentemente a quanto temeva Bruno che si segua una storia per amicizia…:@
    penso che invece si tenda a proseguire quella che si è scritti perchè la si sente più vicina…o la si conosce di piu nei dettagli..
    Per ciò ke riguarda il fatto che nn si ggiungano altre persone è che diventa sempre piu difficile memorizzare tutte le storie e poi ogniuna al suo seguito…per cui ancor piu difficile per ch ipensa di farlo ora..
    però ce una personcina che si sta stmpando tutto..
    chissà ke non si aggiunga ai partecipanti…
    mah.
    sento un silenzio strano o è un impressione?
    spero di sì..
    byez
     

  22. Quante cose, quanti stimoli…
    Intanto, le storie già terminate. Belle, hanno un senso compiuto e scorrono lisce. Brava Ariel per il colpo di teatro che ha spiazzato tutti, brave Giulia e Roxane per aver dato un senso compiuto alle storie sapendo raccogliere i nodi principali per scioglierli in maniera originale con una vena d\’ironia.
     
    E\’ vero, si tende a seguire i propri capitoli, ma credo sia abbastanza naturale, ho fatto una specie di mappa con, al posto dei titoli, gli autori, ci sono almeno quattro rami che proseguono in alternanza…
     
    A proposito di questo, un gioco che mi diverto a fare è: scovare gli autori dell\’ultimo capitolo!!! eheheheh….è davvero divertente…credo di averli scovati tutti;-)…meno uno:-(….quelle congetture!!!! (che sia nuovo/a)…ahhh…i tic di punteggiatura…che indizi…;-))
     
    Belle le "consapevolezze" di Bruno 😉 e soprattutto vere!!! Il fatto è che non stiamo scrivendo il romanzo classico ma, "Un romanzo sul blog" a più mani, e questo fa la differenza, anche secondo me l\’importante è amalgamare o interagire con i capitoli precedenti, il che vuol dire che non tutti i tasselli saranno al loro posto, ma i fili principali della trama saranno ben evidenti….e poi chissenefrega se a Vicolo della Moretta è stato innalzato un palazzo di 13 piani!!! Sigh!!! Saranno problemi di Veltroni nohh;-) Nel nostro romanzo alcune incongruenze marginali sono il pepe del racconto ed è simpatico andarli a scovare!!!
     
    Insomma il ns. "Romanzo sul blog" è un nuovo genere, una strada mai battuta, anche Google se ne è accorto!!!!!!…se ci andate e inserite: "+romanzo+blog" vedete che al nono posto c\’è: "Arti e Bagagli: Un Romanzo sul blog:Regolamento"
    Eureka!!!!!! ;-))

  23. Non credo di saper scrivere… ma comunque, darò un\’occhiata per capire di cosa si tratta prima di accettare il patto col diavolo!! 😀
    Grazie per l\’invito!
     
    Robe

  24. anche io cerco di scovare gli autori:P
    si accettano romanzo_scommesse!!
    le quote verrano trasfomate in caramelle!
    secondo me cmq l uomo nn ha l intuito …che di fatto è femminile:P:P
     
    cmq così per ridere si potrebbe depositare la busta da bruno!!
    chi indovina di piu vince!
     
     

  25. …interessante dimostrazione dell\’inutilita\’ dell\’anonimato…oltre scandire la discussione a compartimenti
    piu\’o meno stagni…favorisce il proliferare di scommesse clandestine!!…:-)…°°°… 

  26. Mannaggia… ho fatto tanto per rimanere con i piedi per terra e adesso Bruno mi mette la pulce nell\’orecchio con il fantasy… però l\’idea di scommetere sull\’autore del capitolo non è male….

  27. Caspita..ke salotto.. Complimenti Ragazze/i  nel vostro straordinario spazzio si perde la cognizione del tempo..
    scusate se ho assistito leggendo i vostri battibecchi, non finisce qui….
    Tornero,? penso proprio di si..
    Tra voi, Bruno, ecc.ecc. credo mi occorra una nuova vita, x visitare tutto lo spazio ke c\’è in voi……
    troppo forte.. x questo devo ringraziare vivamente una Cara persona, ? non so se menzionarla??
    x Pubblicità ingannevole…. a tutti voi buon proseguimento, mi raccomando lavorate sodo, alla stesura dei racconti..
    Bye! Bye!!  
     

  28. allora Bruno sarà il depositario delle nostre scommesse e metterà a disposizione un bel cestino di caramelle!!
    via con le scommesseee!!
    sììììììììììììììììììììììììììììììììììììì

  29. Non vorrei inflazionarti i commenti ma …
    hai cambiato la data di consegna o sono io ke mi sono addormentata e ho capito male?
    mi era sembrata il 21 12 …mahhh
    e adesso???
    sono indietrissimooooo
    grrrrrrrrrr.
    me la stavo prendendo comoda:D
    bye
     

  30. Mi dispiace per Martina… ma si era proprio addormentata!!! ;-))
    Ma state tutti scrivendo???… mmmh… credo che domani dovrò passare il giorno a leggere allora…
     
    Buona domenica a tutti!!!

  31. azz se sto così attenta quando leggo i capitoli chissà cosa ne salta fuori:-)
    lo sbaglio del nome una bazzecolaaa!!
    miiiiii
    come sono messa?:-(
    sig

  32. Mi hai lasciato li, mi hai lasciato sola  e adesso chi mi consola?Ho creduto di parlare con un grande artista?oh è stata un\’illusione della mia vista? Bruno questo è il tuo nome? oh è solo nella mia immaginazione.Viaggi in un mondo viruale come un marziano nella sua astronave cerchi un nuovo mondo? Ci sei? IO ti rispondo, attendo un tuo segnale Hai spento? Perchè questo tormento.
    Volevo star con te per non sentirmi sola, dai.. Bruno dimi una parola Attendo ormai invano e tu sei già lontano leggo un tuo biglietto
    romanzo su blog …  è il mio progetto ciao Bruno Gabriella
     

  33. se ti becca la vicina di banco ti scamazza!!
    caro Secchia 🙂
     
    Gabry bella la tua poesia in rima baciata!
    e cmq è verissimo
    Bruno sei troppo in OFFF

  34. E\’ vero sono un po\’ assente, ma non è colpa mia. E\’ colpa del mio modem che non ha gradito l\’ultima martellata che gli ho tirato 😦
     
    Gabriella, sinceramente devo dire che te la cavi meglio come scrittrice in prosa che come poeta 😉

  35. …non sarebbe male una bella gara di rap!…altro che prosa e rime baciate!!:-DD…
    un bel coro per natale tipo…gli scrittori per caso!!…vabbe\’…torno al presepe…

  36. ariel devo cercare la song del presepe e poi tutto sarà perfetto…
    ah Bruno ti ho trovato un posto nel presepe…:
    il bue…
    almeno così stai al calduccio:-)
    prrrrrrrrrrrrrr

  37. caspita bruno, che lavorone………..
    ti lascio un abbraccio e una tazza di caffè!!!! 😉
    kisssss
     
    chicca
     

  38. tutti già affaccendati con gli alberi di natale e i presepi???
     
    Ma le tradizioni dove le mettete? non si doveva fare l\’albero il giorno dell\’8 dicembre? mah… chissà dove andremo a finire… ;-))
     
    Ah… ragazze… allora abbiamo capito quale regalo vorrebbe Bruno per Natale: un bel modem!?!?!?!

  39. Vi invito a passare dal mio blog: ho pubblicato le foto dei quadri che esporrò a gennaio ( è la mia prima "personale"). So che non centra niente con il romanzo, ma Bruno, pittore a sua volta ( e molto più bravo di me!) capirà…Adesso che i quadri sono pronti torno al lavoro sul romanzo, almeno ci provo.Filippo.

  40. Vorrei chiedere una cosa, prima di cominciare a scrivere il sesto capitolo… se ci proverò…
    Esiste una dimensione minima e massima standard vincolante? Esempio, numero minimo e massimo di righe, o di caratteri?
    Perchè, a quanto vedo, i capitoli sono tutti più o meno della stessa dimensione (lunghini) ed io talvolta sono molto sintetica, quindi non vorrei proporre qualcosa di inadeguato!!! Fatemi sapere. Ciao!!!

  41. Bruno aiutami tu! C\’è un modo per far comparire il mio blog tra i motori di ricerca? In passato ero riuscita a inserire il mio vecchio blog ma nn ricordo come ho fatto…

  42. stavo guardando il grafico…:-(
    il mio povero flash back finito in poltiglia da 2 effe rosse!
    e magari settimana prossima va tutto al macero chissà…!!
    proverò a farci un art attak:-)con la carta pesta…
    che silensio!
    bye
     

  43. mihiiiiiiiiiin che camurria.. lagnuusa sei..
    fatti il segno della croce, invece, che hai ancora 2 filoni..
    hihihihihi

  44. Ciao Bruno..! è sempre un piacere di passare qui.Che bella idea questo romanzo collettivo..!Leggo un pò i commenti…dunque saresti il bue del preseppe….hum…metti una foto ti prego!
    smile….a presto Isa.

  45. io ti ho proposto al presepe come il bue riscaldante però tu devi confermare!!
    dai Bruno sei in offfissimo!
    passa a dare la conferma..nn puoi nn essere nel presepio la notte di natale:-)

  46. Mannaggia Bruno! Ma veramente?? Wa io ero convinta di aver dedotto giusto perchè sei una persona molto preparata in campo. Da oggi in poi non dirò più nulla così la smetterò di fare gaff in quanto ne faccio in continuazione!
    Il punto è che io vorrei intraprendere il percorso universitario "archeologico – storico artistico" e, supponendo che tu eri del campo, pensavo potessi indirizzarmi nel giusto o darmi qualche consiglio.
    Complimenti per il "self-made".
     
    Robbie

  47. 😦
    mi arrivi dopo una settimana il posto da Stella Cometa se pur inflazionato sè occupato ieri
    e quindi ti toccherà fare il bue riscaldante:-)
    sempre vicino di banco !!
    altrimenti nn spedisco il mio capolavoro!!
    detta così sembrerebbe una minaccia….:-|
    ….
    infatti lo èèè
    prrrrrrrrr
    ciao ciccino!
    smaxk

  48. ..ragioniamo(come piace a te..)..il bue e\’un animale utile(tu lo sei…utile!)…
    pacifico…(tu sei pacifista..)generoso e laborioso..(sei cosi noo?..)pieno di meravigliose qualita\’!!
    …sei la stella cometa di questa …avventura..non ti basta??:-)..

  49. ciaooo! mi piacerebbe l\’idea di scrivere,pero non mi azzarderò perchè faccio troppi sbagli ortografici nella lingua Italiana!!!!mi limiterò a leggere,il che sarà già un vero piacere.Non è grave se non dipingi al momento,perchè stai facendo altre cose,ed è questo l\’importante…
    e poi….scegliere il propio posto nel preseppe,non è un\’impresa da poco…!
    Baci Isa.

  50. Non hai torto… qui in Italia si scarseggia di "mansioni" importanti… cmq sia, gli scenziati che abbiamo, se ne abbiamo oggi, se ne vanno all\’estero perchè sanno che qui non c\’è e non ci sarà mai terreno fertile!
    Io ora non so se tu sei credente o meno… io credo che la religione sia una filosofia strettamente personale… ma secondo te, se continuerà a prevalere il vaticano, il campo scientifico avrà mai una benchè minima possibilità di espansione qui? Io non credo…
    Quindi, se tu dovessi tornare indietro, io ti sconsiglierei il campo scientifico… oppure ti consigliere di andartene all\’estero! ;P
     
    Robbie

  51. ciao a tutti gli amici di romanzo su blog e auguri a tutti da Gabriella Bruno tutto quello che sono riuscita a fare con Photoshop è una scrtta AUGURI che ho inserito nel mio blog potresti dirmi cosa ne pensi? grazie ciao

  52. HELP
    una pregunta:
    a furia di usare il foglio di word per tu sai cosa …ho ripreso l abitudine di creare il post per il lbog con lo stesso foglio…
    e copiaeincollarlo poi direttamente sul blog…
    ora mi son ricordata ke questo procediment oin un certo periodo aveva creato problemi ai blog…
    dici ke con le nuove release il problema è bypassato o sussiste ancora e io devo sistemare gli interventi?
    rispondimi pure qui ma se riesci dai un occhiata all html per controllare ke nn abbia combinato disastri…
    Grassie in anticipo
    machettelodicoaaafffare
    tu sei un genio!
    grande Secchia!
    smaxk

  53. Oggi è una giornataccia per il mio modem (tanto per cambiare): non ho potuto visitare ne\’ il blog di Martina ne\’ quello di Gabriella. IE si impalla con una precisione svizzera.
    Ho come l\’impressione che mi siano negati tutti i blog con WMP installato. Boh…
    Martina, devo ancora rimettermi dall\’interpretazione di cosa sia una pregunta 😦 ma credo che non ci siano problemi ad utilizzare Word; l\’editor del blog elimina tutta quella parte di codice che ritiene superflua e quindi non dovrebbe fare danni.

  54. E\’ da parecchio che non passavo di qui… inutile dire che il tuo blog resta sempre uno dei migliori… anche l\’idea del romanzo è originalissima ed accattivante.. complimenti veramente per tutto. Un bacione grande ed ancora buon lavoro 🙂

  55. La mia non è una rassegnazione, è un dato di fatto… bisogna essere realisti perchè ci puoi mettere quanta cultura vuoi tu ma se la maggioranza è ostinata a credere in un Dio descritto in una Bibbia (guarda caso l\’unica fonte di documenti rimasta "fedele"dopo anni e anni e dopo tante traduzione… mah!… penso di essermi spiegata, no?), in un suo portavoce chiamato Papa… insomma… penso che sarà un pò difficile… "combattere" il vaticano con la cultura… meglio i fatti!
    E poi, tantissimi cattolici sono persone estremamente colte.
    E poi, gli storici stessi, credenti e NON, ammettono che senza un Gesù Cristo non ci sarebbe stata storia (intesa come disciplina e come fonte di cultura) perchè cultura non è solo scienza e politica… ma anche storia, storia antica, teologia, arte e tanta, tantissima arte religiosa. Ecco perchè dico che la religione è una filosofia strettamente personale. Per te è una superstizione. Per me è una filosofia, un insegnamento a vivere più umanamente… e per tanti religiosi è una credenza/reatà estremamente importante.
    Non tanto cultura quanto fatti e ideali.
     
    P.s.: Ho come il sospetto che queste "conversazioni" stiano un pò travisando in "dibattiti"… e non era qst il mio scopo.
    Buona giornata e viva la libertà di pensiero e il rispetto per il prossimo!
     
    Robbie

  56. Bruno se ti può consolare anche io ho parecchi problemi a visitare  blog
     mi son convinta di avere un centinaio di topi  ke girano nel pc ke fanno grrrr grrrrr
    mi si impallano a metà e poi mi si chiudono le pagine a pezzi…mi sembra ke l attività della cpU
    sia sempre sotto zero e sono un paio di sere ke ho cambiato pc perchè quassù non va nullla:S
    quello giù ha ancora window professional…che alla fine nn sia meglio?:-(
    magari sono gli aggiornamenti…
    ma da quando cè sto filtro antipishin o come diavolo si chiama lui ho parecchi problemi…
    e quindi?
    benveuto a bordo…tutti sulla naveeeeeeee
    si parte per i mari di internetttt!
    muak

  57. bruno ma ci sei, sei connesso? funziona il tuo moden? e il romanzo ? nessuno ne parla più siamo tutti in attesa di una tua risposta forse qualcuna come me ti ha delusa come scrittrice?sii buono è Natale siamo tutti nel presepe ciao

  58. gabri, nessuno parla del romanzo perchè tre settimane di tempo sono troppe…
    e in quanto a deludere… (a parte che Bruno è un signore e non bada a queste cose..) che cosa credi? Nessuno è premio Nobel per la letteratura, quindi siamo tutti naif…si fa quel che si può!!!
     
     

  59. ciao Giulia Buon Natale, sono certa che Bruno sia un gran signore e proprio perchè lo considero tale, che ci terrei essere una brava allieva ed essere brava come lo siete voi anche se non siete premi nobel, ciao e grazie

  60. e si Gabri auguri anche a te…
    io magari rischio di inflazionare di commenti il blog di Bruno però qui è mancata la presenza un po\’ di tutti…
    vero è ke 3 settimane sono tante però uno sforzino in piu di 30 secondi si poteva anche fare…
    e lo dico anche a te Giulia in offffissima!!
    ekkekkavolo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...