Capitolo terzo

Un romanzo sul blog

 
La stesura del terzo capitolo è terminata!
Partecipate ora alla scrittura del quarto capitolo.

erminata la stesura del secondo capitolo, si passa immediatamente alla scrittura del terzo.

 
Il trauma delle votazioni è superato, non ci saranno più. Ognuno potrà liberamente ispirarsi ad uno qualsiasi dei capitoli scritti (uno solo però) e scrivere la propria interpretazione del terzo.
 
La nostra struttura ad albero, iniziata col tronco scritto da Marilù, sta evidenziandosi.
Sono spuntati sette rami nei primi quindici giorni. Uno di questi non ne produrrà altri perché è già bello e completo così.
C’è da augurarsi che dagli altri sei nasca una folta chioma che metta in serio imbarazzo i lettori nello scrivere anche loro il proprio personale romanzo.
 
Perché parlo di lettori che scrivono? Perché, mano a mano, che la struttura evolve, il lettore si troverà in continuazione davanti a delle biforcazioni e dovrà scegliere inevitabilmente di seguire un ramo invece di un altro.
Alla fine ogni lettore, pur partendo dallo stesso capitolo iniziale, avrà letto un libro diverso, e in fondo anche questo è un modo di scrivere che questa iniziativa, come altre simili, mette a disposizione di chi legge.
 
Capitolo 1

Capitolo2

L’EREDITA’

Il cappellaio matto

LA CHIAVE

Flash-back

Tommasina e le chiavi

La governante

FOTO E FRAGOLE

La casa (F)

Tommasina
Qui a fianco trovate, espressa in maniera tabellare, la prima evoluzione del romanzo, coi link ai vari capitoli.
Gli autori li conoscerete alla fine della lettura del capitolo stesso.
 
Nota del 16/10: Uno dei ragazzi della IIIE, per cause di forza maggiore, non ha potuto inviare in tempo il suo capitolo e solo oggi è riuscito a farmelo pervenire. Credo di non incontrare l’opposizione di nessuno se, facendo uno strappo alla regola, lo inserisco a pieno titolo nella lista.
 
Da ora in avanti ogni partecipante dovrà decidere quale di questi secondi capitoli, a esclusione del proprio, vale la pena proseguire con un terzo capitolo.
E Marilù, la madre che, dopo il parto, ha assistito impotente alla crescita imprevedibile della sua creatura, potrà rientrare in gioco.
 
Come metodo consiglio di procedere con la rilettura del primo capitolo e poi del secondo scelto prima di decidere di proseguire, in modo da avere ben presente il flusso del racconto, che non va mai perso di vista per una coerente prosecuzione.
L’idea di fondo dovrebbe essere infatti la prosecuzione della storia, non di un singolo capitolo.
 
La scadenza per l’invio dei lavori è fissata al 28/10/2007!
 
Come i più acuti avranno osservato , vicino ad uno dei capitoli appare una F rossa tra parentesi: è indicazione del fatto che l’autore di quel brano ha deciso di terminare il racconto, scrivendo la parola FINE in fondo al suo capitolo. Quindi non sarà possibile proseguire quel brano con un terzo capitolo.
Tenetelo a mente altrimenti rischiate di fare un lavoro inutile scrivendo una cosa che non sarà pubblicata, senza contare la relativa perdita di tempo.
  
Ripeto la regoletta in bella evidenza:
 
Non è possibile proseguire un capitolo indicato dal simbolo (F) e/o che al suo interno contenga la parola FINE come ultima riga.
 
A proposito di regolette, la metà circa dei partecipanti non ha rispettato quelle che avevo indicato nei miei precedenti post, costringendomi ad un lavoro supplementare .
 
Proverò a ripeterle e, basandomi sull’esperienza avuta fino ad oggi, le modificherò un po’:
 
  1. Mandate i vostri contributi esclusivamente via e-mail a questo link Romanzo sul blog
  2. Il brano deve essere in un file allegato alla e-mail, in formato doc o rtf (per chi usa Windows è sufficiente utilizzare Wordpad che è in dotazione al sistema)
  3. All’interno del file devono essere chiaramente indicati il proprio

    • nickname
    • l’indirizzo del proprio blog
    • il titolo del capitolo che si intende proseguire
    • il titolo del proprio capitolo

Tutto ciò non è per complicare la vita a voi, ma per semplificarla a me. Sono certo della vostra collaborazione .

Nel frattempo, buona lettura e… mano alla penna! … o alla tastiera, fate voi .

 

30 pensieri su “Capitolo terzo

  1. ..ciao Bruno!..stavo pensando di …assassinarti un\’altro capitolo:.:-))..che ne dici?
    grazie della pazienza e a presto!

  2. A Marilù la scelta di scrivere il terzo capitolo ringrazio tutti in particolare te e ti saluto calorosamente ciao

  3. Bruno mi sono già confrontata con gli altri ed ho costatato che sono tutti più bravi seguirò con attenzione i capitoli e voterò quello che per me sarà il migliore grazie

  4.  
    Ciao Bruno,
    ho fatto pubblicità al terzo capitolo in un post, specificando che NON CI SONO PIU\’ VOTAZIONI.
    Magari non son tutti duri come me, però… può far comodo.
     
    Ciao !

  5. Bruno so che non ci sono vincitori e so benissimo che questo è un gioco per stimolare la nostra fantasia e ti ringrazio per avermi dato questa possibilità e sopratutto per avermi dato il coraggio di tirare fuori ciò che ho dentro e di farlo conoscere agli altri. Ma mi è difficile continuare una traccia costruita da un\’altra persona,è come lavorare su un quadro dipinto da un altro pittore,non è mai tuo e non sentendolo tuo, lo dipingi male. Questa sensazione l\’ho provata scrivendo il secondo capitolo e invece di provare entusiasmo nello scrivere, ho provato un netto rifiuto.Scusami ma io sono sincera, quello che scrivi deve essere completamente tuo,deve partire da dentro, chi legge, deve conoscerti attraverso ciò che scrivi, è questo secondo me il gioco, puoi non essere d\’ accordo con me,ma non me ne volere. A proposito ho cancellato la scritta non ci sono vincitori

  6.  
    PR ?
    Diciamo PR vistuale: si fa da casa davanti al pc, è più comodo… 😉
     
    PS: Ah Bru\’…
    non hai ancora corretto il link sotto alla parola "Michele" di questa pagina…
     

  7. Sì sì, ci sto!!! accompagnata dai genitori.. che bello, così conoscerò molti genitori, visto che non sono sola a marcar visita.
    Scherzi a parte, sinceramente non avevo spunti, troppo impegnata anche da mia figlia che non riesce a trovare una persona in cucina e si attacca a mammina! e poi manca il lavoro, (dicono)ma se si parla di lavorare sabato e domenica.. fuggono come conigli!
    Ma questo È un altro film.
    Tornando a noi penso che stavolta ce la farò a trovare qualche idea…magari fra un brasato e un piatto di tagliatelle ai porcini…fra Matilde Serao e Darwin. (e scusa gli accostamenti!)
    Giulia
    speri

  8. E\’ interessante questo sviluppo inatteso… mmmh… allora dobbiamo impegnarci di nuovo ;-)))
    Grazie per avermi dato la possibilità di misurarmi con questo esperimento e … al terzo capitolo quindi!

  9. mi scuso per i troppi puntini…erano solo un segnale per le correzioni che avevo inviato ma giustamente Bruno ha pubblicato il documento…non poteva certo cercare le parole da correggere una per una…
    mi servirà per la prox volta…se mai ce la farò…intanto sarebbe bello aprire un dibattito tipo evento sulle nostre interpretazioni ai capitoli no?
    va bhè ora passo e chiudo…e mi metto a leggere .
    byez
     

  10. Bravissima Martina!
    Aspettavo con ansia che si aprisse finalmente uno scambio di opinioni sul romanzo. Un libro non è solo una sequenza di capitoli, ma è un progetto che va ideato, analizzato e portato a termine.
    Quando a farlo è un unico autore è chiaro che ha tutto nella sua testa, ma se il lavoro è collettivo, solo lo scambio di idee può portare ad un risultato.
    Non vorrei che, tutti presi dalla paura di essere giudicati per la forma, perdeste di vista il giudizio sul contenuto.
    Il romanzo deve "filare" e non ci si può nascondere dietro al fatto che se non "fila" è perché "eravamo in tanti".
    Se si è in tanti ci si organizza a discuterne: chi vi impedisce di chiedere a Marilù, o a chi è venuto dopo, cosa aveva in testa?
    Mi sembra di cogliere una certa timidezza nello scrivere e ancora di più nell\’interpretare, ma siamo solo al secondo capitolo. Ci sarà tempo per essere più spigliati 😉

  11. forse più che timidezza si tratta di indecisione…
    magari hai una mezza idea, dopo aver letto un capitolo e poi te la ritrovi anche solo accennata in un altro e la devi scartare…  e se succede più di una volta, allora  ti viene da pensare che non sei avantissima" come dice qualcuna, e forse è meglio aspettare tempi migliori…
    o seguire l\’esempio di ariel.. far fuori tuttti i capitoli!!!
    tiè..
     

  12. Giulia, perché dovresti scartare un\’idea già accennata da altri? Semmai questa è la riprova che l\’idea è valida e la struttura del romanzo "tira" da quella parte. Nessuno impedisce di elaborare un\’idea altrui (è proprio questo lo spirito), l\’elaborazione sarà sempre diversa anche se l\’idea di partenza è la stessa. E\’ sufficiente una piccola variazione e si va da tutt\’altra parte; lo dimostrano otto capitoli 2 che sono partiti dalla stessa idea e hanno infilato strade diverse.
    Ad ogni modo i capitoli vengono pubblicati tutti insieme e quindi l\’influenza reciproca è impossibile.

  13. ….ma nooo..:-)…mi limito ai personaggi…Bruno vigila…
    pero\’un terremoto…la casa…uhmmm..:-DDD…
     

  14. Ecco le mie note…
    ora scatenatevi…ma lasciatemi i vestiti!!…
    🙂
    AD esempio il racconto di Filippo mi sembra scorri molto veloce nella lettura..e segue anche bene le caratteristiche della struttura di partenza…Mi piace anche l\’ idea che uomo "posato" faccia riferimento ad una favola tra le più " strane " nel mondo delle favole e che lei colga al volo il messaggio.
     
    IL Romanzo della siginora dei sogni mi piace molto…fila via liscio come l\’ olio..segue tranquillamente le tracce di partenza…ne crea un bel mistero e il che nn è poco…l\’unica cosa che mi spiace un po\’ è il fatto di essere troppoall\’avanguardia tecnoligica: pc…password…e mail…insomma….mi sarebbe piaciuta una bella lettera anonima vecchio stile…chiamatemi pure "antica".
     
    Anche il racconto di Michele è intrigante con la storia della seconda casa..eh!! se quella mura "POTREBBERO"parlare:P:Pchissà che ci combinavano in quella casa…Michele ha provato ad osare direi…l\’unica cosa che ha dimenticato che Manuela ha comunque frequentato quella casaprima…e lo si capisce quando dice che la sua mancanza si nota molto nelle piantedel terrazzo…quindi si deduce che in qualche modo anche se non la conosceva se Tommasina ha veramente lavorato per tutti quegli anni dal professore doveva perlomenoconoscerne l esistenza. Bello poi l accostamento dell\’accento siciliano!
     
    Se pur breve anche il racconto di gabriella si pone bene per un nuovo capitolo …il colpo di scena del dipinto della goverante è originale…l\’unica cosa che mi suona strano è quando telefona e dice "nell\’appartamento di Enrico dove ora risiedo"….insomma mi sembra poco veritiero che in poco tempo Manuela abbia già deciso di restare a vivere in quella casa…in fondo fino a quelmomento deve aver avuto una sua residenza…una sua vita…in qualche modo non dovevaessere così facile prendere la residenza in poco tempo…
     
    Il Romanzo di Valentina è tra quelli che più si allinea al profilo che ho tracciatoper la mia idea del romanzo…tipo questa frase: "Ci sono tante cose che non ti ho detto Enrico mio, e adesso non potrò farlo più. – Avrei voluto confidarti tanti segreti, e ora che voglio non posso"…PEr il resto invece è scritto molto meglio del mio e soprattutto senza tanti puntini 🙂 !!
    Ariel al sol fatto di avere fatto fuori la Manu mi ha messo la tristezza…ufff….e poi…poteva suicidarsi mica prima?…alla fine era un po\’ che nn ferquentavaEnrico giust?..mannaggia non sopporto le storie che finiscono male!
     
    Al solito mi intriga la pazzia dello straccione di uno dei Ragazzi…lui potrebbe svelare molti misteri…dalla strada vede e non vede…
    la sua Toomasina è un po\’ inquietante   però a livello diterminologia il racconto mia piace parecchio  ed anche la sua descrizione degli esterni…ma se ho letto bene ci sono un paio di incongruenze…la casa il prof l ha  ristrutturata da solo e poi lei ha sistemato terrazzo e piante…enon che lei ha aiutato a ristrutturare casa…o no?…
    Ho letto e riletto ma se ho confuso qualxosa perdonate una povera svitata…!byez

  15. Grazie per i complimenti Marty,
    quanto ad un passo del tuo commento:
     
    "l\’unica cosa che ha dimenticato che Manuela ha comunque frequentato quella casaprima […] quindi si deduce che in qualche modo anche se non la conosceva se Tommasina ha veramente lavorato per tutti quegli anni dal professore doveva perlomenoconoscerne l esistenza."
     
    E\’ vero, ma nel racconto non c\’è niente che contrasta con tutto ciò. Anzi, Tommasina dice che credeva che l\’altra casa fosse come "riservata" solo per Manuela ed Enrico. Rimane il fatto che le due, pur sapendo l\’una dell\’esistenza dell\’altra, non si sono mai viste, cosa che mi pare sia stata anche ripresa da altri autori.
     
    Ora mi metto sotto con la lettura dei capitoli degli altri che finora non ho potuto. Per il terzo capitolo mi vedo in crisi di tempo…
    Ciao a tutti
     

  16. Ti lascio il mio Indirizzo xkè ho un urgente bisogno di un Aiuto per il Blog 😦
    grazie in anticipo..
    Fabiana..

  17. Ciao Bruno…
    oggi per me è s tata una giornata nera…ho tentato in tutti i modi
    di farla quadrare ma dal suono della sveglia in poi
     è andata sempre peggio….
    In questo clima non riesco a pensare a nulla di positivo per il romanzo…
    tttonfffffffff
    magari è uno spunto!
    byez

  18. sbuff…sbuff…che groviglio di pensieri e situazioni!!!
    Il cappellaio matto, identità duplicate, rimandi fiabeschi
    La chiave, un incastro perfetto, originalità e suspence, tecnologia e ancora fiaba (Cenerentola)
    Tommasina e le chiavi, ancora un doppio, un\’altra casa (dà l\’idea di qualcosa di losco) un viavai di vip, mica sarà vallettopoli;-)
    Flash-back, i ricordi che affiorano, l\’alchimia di un incontro, il desiderio di un figlio, la fuga a casa, quasi la fine o un nuovo inzio?
    La governante, gabriarte che scrive per dovere e cortesia! comprensibile, ognuno ha le sue pulsioni…però potrebbe…;-)
    Foto & Fragole, la riscoperta della casa, di quell\’uomo solo, il ciclone Tommasina, una poesia senza mittente né autore e poi drin..
     
    E poi i temi, alcuni temi:
    Tommasina, arzilla, scattante, un vulcano, ambigua, sorniona, dimessa, le scappa da pulire, butta lì pezzi di frasi, se facciamo un collage: è semplicemente schizzofrenica!!!
    I posti, i luoghi, siamo a Roma, sia per chi la conosce che per chi non c\’è stato è evocativa, le terrazze, i panorami, le chiese, la luce, il tepore, Roma mammona…
    I colpi di teatro, un personaggio nuovo, Amelia, Marta, Mery, Lo straccione, come si intrecciano? E poi i pc, le mail, i foglietti (antiquariato o tecnologia?) e ancora la doppia casa, la fuga e che altro…
     
    Sì ma in tutto questo Marilù dov\’è? Mò vado a romperle le scatole 😉
     
    E attenzione alla killer ariel, l\’ammazzaromanzi…eheheh….

  19. Ciao!
    Non riesco a trovare il capitolo secondo che è stato scelto e a cui devo collegarmi per scrivere il terzo… potresti dirmi qual è, per favore?
    Grazie mille, Elida

  20. Ciao Bruno, sono tornata!Ok, ho poco meno di una settimana per continuare con un altro capitolo, quindi: subito al lavoro (proprio subito no, è l\’una passata e adesso vorrei andare a nanna!)Baci!

  21. Bruno?
    lo so che in questo momento fai il moderatore…
    e come tale devi rimanere defilato…
    ma così sei proprio sparito…;-)
    almeno che combinavi alle gite ce lo puoi anche dire…
    intanto che moderi…;-))
     
    mi sarebbe piaciuto che si fosse aperta una discussione sul romanzo, di temi ce ne sarebbero…
    io c\’ho anche provato, ma con risultati nulli…
    è come se fosse prevalsa l\’idea che intervenire in corso di scrittura sarebbe come violare una regola,
    che a me non risulta o forse è soltanto l\’idea che commentando si potrebbe influenzare, urtare, ammiccare a qualcuno.
    Così facendo si arriverà alla conclusione del romanzo avendo scritto tanto e commentato poco, boh, non so…
     
    O forse, più semplicemente è, che tutti siamo iperimpegnati nello scrivere…
    e nell\’epoca del multitasking più di quattro cinque cose insieme non si riesce a fare…;-))

  22. ho in testa una piccola bozza…
    bhe fino a oggi non avevo neppure quella…
    però non so se ce la faccio per domenica
    la didi non cè e sto lavorando fino a sera tardi…
    vedremo
    smack
    e forza milan!!
    domani stadio…
    ovviamontttt

  23. ….passoindietro…ho sempre dato forma a pensieri poesie o dialoghi su qualsiasi oggetto e con… qualsiasi cosa me lo permettesse!
    …da quando mi ricordo esistere…scrivere e\’tutto ed e\’…tutto li\’.non posso commentare!..
    ….comprendo moolto dopo il perche\’di quel testo …di quella parola la\’inserita..
    …e come giudicare il lavoro altrui…non siam professionisti quindi e\’meraviglioso il solo impegno profuso…:-)!
    dopo aver fatto morire la Protagonista ho capito che la detesto…tutti i motivi per cui provo questa re_pulsione
    nei suoi confronti…non so ancora…ma che importa??…continuo a scrivere:-DD..
    (ma Bruno ce l\’ha una vita??siamo sicuri?..)
     

  24. carissimo Ragazzo a caso…
    non sarebbe anche il caso di dire a Bruno ke si deve sbottonare un po\’
    anche lui…
    ci piacerebbe sapere cosa ne pensa dei nostri primi racconti e una volta pubblicati
    i terzi cosa ne pensa dei secondi e così via…
    ci sentiremmo un pochino più spronati se commentati dal promotore dell iniziativa no?!?!
    oppure anche lui ha paura di urtare la nostra suscettibilità?!?! ormai visto che nn cè nulla da votare
    può esprimere tranquillamente le sue opinioni…e nel caso dirci di cambiare mestiere:P:P
    uauauaaua
    ops
    chissà se ci legge:D
    prrrrrr

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...